Area riservata

Dimenticato lo username?

Dimenticata la password?
Accedi Registrati
 Ricordami su questo PC
cerca

Novità
Promozioni
Fine serie
Cerca



Il progetto DisVela approda a Pechino 2008

FOTO IMBARCAZIONE DISVELA DONATA DA ROSSINI TRADINGPoco più di un anno fa prendeva il via il progetto "DisVela" una significativa sfida in ambito sociale che vede protagonisti i disabili con problemi nella deambulazione e lo sport della vela. Scopo dell'iniziativa è avvicinare allo sport e in particolare alla vela i portatori di handicap organizzando una squadra agonistica a tutti gli effetti, pronta per partecipare alle regate. Rossini Trading ha sposato da subito questa iniziativa in collaborazione con PHB (Polisportiva Handicappati Bergamo), YCBG (Yacht Club Bergamo) e AVAS (Associazione Velica Alto Sebino) donando una delle imbarcazioni utilizzate dagli atleti.

Durante quest'anno di attività il team di DisVela non si è limitato a partecipare alle competizioni, ma ha ottenuto ottimi risultati. Il più importante è arrivato lo scorso mese quando Fabrizio Olmi si è qualificato per le paralimpiadi di Pechino 2008. Olmi, 36 anni di Milano, grafico-web designer, è da poco tornato da Rochester, nello stato di New York sul lago Ontario, dove ha partecipato al campionato mondiale della classe metrica 2.4. Alla competizione, valida per la qualificazione alle Paralimpiadi 2008, hanno preso parte 25 nazioni con 45 atleti in totale e al termine delle dodici regate previste ha assegnato i pass per le prossime paralimpiadi.

"Sono molto felice, quando sono partito per il mondiale ero molto incerto sul risultato perché la concorrenza era molto forte. Dopo le prime regate ero a metà classifica, ma piano piano sono risalito fino a raggiungere la posizione che mi consentirà di partecipare alle prossime paralimpiadi" afferma Fabrizio Olmi.FOTO IMBARCAZIONE DISVELA DONATA DA ROSSINI TRADING

Ma DisVela non è solo competizione, è soprattutto un modo per coinvolgere e interagire, al di là di ogni barriera, dove l'unico limite è dato dall'acqua e dal vento. "Mi sono avvicinato al progetto l'anno scorso e lo ritengo un'iniziativa veramente importante. Mi sono divertito moltissimo a tenere i corsi con persone disabili e non, tentando di trasferire la passione che mi lega a questo sport meraviglioso" conclude Fabrizio Olmi che porterà lo spirito di DisVela nella massima competizione sportiva mondiale.

Clicca qui per vedere i "VIDEO DISVELA"